Festivalmeteorologia

Incontri e attivitą per tutti gli appassionati di meteorologia

Festivalmeteorologia

Incontri e attivitą per tutti gli appassionati di meteorologia

Nelle giornate di venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 novembre 2019, la città di Rovereto ospiterà per il quinto anno il Festivalmeteorologia, manifestazione che di anno in anno si sta affermando come preziosa occasione di incontro, di conoscenza e interazione tra le diverse realtà della meteorologia italiana. Ci saranno incontri e conferenze, ma anche attività didattiche e ludiche, laboratori, mostre e concorsi, oltre a spazi espositivi dedicati ad enti, aziende ed associazioni.
Organizzato da Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia, Università degli Studi di Trento, Comune di Rovereto, Trentino Sviluppo e Fondazione Museo Civico di Rovereto, il Festivalmeteorologia riunisce gli operatori dei servizi meteorologici, istituzionali e privati, i professionisti e le aziende del settore, i ricercatori, gli appassionati di meteorologia, le scuole e il grande pubblico. 

Info festivalmeteorologia.it

--------------------
Attività per le scuole
a cura della Fondazione Museo Civico di Rovereto

L'appuntamento del Festivalmeteorologia di novembre prevede iniziative dedicate alla didattica e alla divulgazione per le scuole: nelle giornate di giovedì 14, venerdì 15 e nella mattinata di sabato 16 novembre 2019  sarà possibile partecipare a lezioni interattive e laboratori sperimentali proposti da diverse realtà provenienti da tutta Italia.

Info e prenotazioni:
Tutte le attività sono su prenotazione entro lunedì 11 novembre 2019 e vengono coordinate dalla Fondazione Museo Civico di Rovereto.
Il costo per la partecipazione ad un laboratorio, comprensivo dell’ingresso al Museo Civico, è di € 5.00 a studente (per i docenti accompagnatori l’ingresso è gratuito).
Per chi prenota 2 laboratori il costo a studente è di € 7.00 invece che € 10.00. I laboratori si tengono presso la sede di Palazzo Parolari in Borgo S. Caterina 41 a Rovereto (TN).

Fondazione Museo Civico di Rovereto
B.go S. Caterina, 41
Rovereto TN
scuole@festivalmeteorologia.it
T. 0464 452888

SALVIAMO IL PIANETA
a cura di FONDAZIONE MUSEO CIVICO DI ROVERETO
La comunità scientifica internazionale non ha più dubbi: le nostre cattive abitudini quotidiane stanno contribuendo a surriscaldare il pianeta rendendolo sempre meno ospitale. Con il laboratorio metteremo a fuoco le cause e le evidenze del riscaldamento globale e ne approfondiremo gli effetti: dalla fusione dei ghiacci all'aumento dei fenomeni atmosferici estremi. Infine ci domanderemo cosa possiamo fare per contenere i danni legati alla crisi climatica in atto. È in gioco il nostro futuro.
DESTINATARI Scuola sec. I grado Scuola sec. II grado

GLI STRUMENTI DEL METEOROLOGO
a cura di FONDAZIONE MUSEO CIVICO DI ROVERETO
Termometro, barometro, igrometro, pluviometro e anemometro sono gli strumenti maggiormente impiegati in meteorologia per aiutarci ad osservare con rigore scientifico le condizioni atmosferiche delle nostre città. Grazie ad essi si collezionano dati oggettivi che, con il passare degli anni, rappresentano delle serie storiche preziosissime. Queste raccolte, ad esempio, possono fornire dei valori medi di riferimento con cui confrontare le misure più recenti, sempre più condizionate dai cambiamenti climatici. Scopriamo come funzionano le stazioni meteorologiche, con che criteri vanno installate per essere affidabili e dove consultare i loro dati.
DESTINATARI Scuola sec. I grado Scuola sec. II grado

METEOROLOGIA E CLIMA: CHE FENOMENI!
a cura di CNR ISAC
Meteorologia e Clima, spesso confuse e usate come sinonimi, sono due diverse discipline scientifiche che osservano e studiano il sistema terrestre e in particolare l’atmosfera con una diversa prospettiva. In un coinvolgente viaggio alla scoperta dei fenomeni atmosferici che caratterizzano la Meteorologia e il Clima della Terra fingeremo di essere climatologi per studiare le temperature del passato e del futuro e l’alternarsi delle stagioni. Con esperimenti e colpi di scena comprenderemo come funziona il ciclo dell’acqua, proveremo a creare una nuvola, scopriremo come e quanto si scalda la terra, cosa è l’effetto serra, quanto l’uomo ne sia responsabile e altro ancora. Si potranno indagare aspetti diversi, scegliendo uno dei seguenti approfondimenti. Ogni percorso didattico sarà ricco di sorprese. Approfondimenti: 1) In viaggio con l’acqua dal mare alle nuvole 2) La febbre del pianeta: il delicato equilibrio tra l’energia del sole, l’atmosfera e il suolo
DESTINATARI 1) Scuola primaria (III, IV e V) Scuola sec. I grado
DESTINATARI 2) Scuola sec. I grado Scuola sec. II grado

IL COLORE DEL TEMPO
a cura di CNR ISAC
Un’opera d’arte collocata all’esterno, statua o edificio che sia, porta sulla sua pelle i segni del tempo che passa e degli agenti atmosferici a cui è esposta. Giocando agli scienziati, indagheremo le alterazioni di colore, la formazione di croste nere, il degrado biologico del materiale lapideo imparando a leggere lo stato di malessere di pietre, malte e pigmenti. A partire dalla facciata bianca del Duomo di Milano riprodurremo, colori alla mano, l’effetto cromatico del Marmo di Candoglia utilizzato per la sua costruzione, le tipologie di degrado che si possono osservare ad oggi e gli interventi di restauro realizzati sull’opera. Inoltre sarà possibile anche realizzare scenari futuri per mostrare, cosa potrà accadere in futuro.
DESTINATARI Scuola primaria

I MALANNI DI MICHELANGELO
a cura di CNR ISAC
Anche i monumenti, essendo costituiti da materia, invecchiano non solo per effetto del tempo, ma soprattutto per le interazioni con l’ambiente. Distacchi, fessurazioni, cristallizzazione di sali, biodegrado sono solo alcune delle alterazioni che i materiali lapidei subiscono. Osservando reperti reali e giocando con un “twister rivisitato” approfondiremo i “malanni” di un bene culturale e le possibili cause di degrado in ambiente urbano. Traffico veicolare, attività industriali e riscaldamento domestico, infatti, concorrono a degradare la qualità dell’aria che aggrava i danni causati dagli agenti atmosferici quali precipitazioni, variazioni di temperatura, di umidità relativa, cicli di gelo e disgelo, radiazione solare e azione del vento a cui un’opera d’arte all’esterno è naturalmente esposta.
DESTINATARI Scuola primaria (IV e V) Scuola sec. I grado Scuola sec. II grado

L’ERA DEL VENTO: ORIGINE, AMBIENTE ED ENERGIA
a cura di UNIVERSITÀ’ DEGLI STUDI DI TRENTO, DIP. ING. CIVILE, AMBIENTE E MECCANICA, GRUPPO DI FISICA DELL’ATMOSFERA
Un viaggio alla scoperta di come la meteorologia sia importante per la produzione e l’impiego sostenibile dell’energia prodotta dal vento, fonte rinnovabile intermittente. Dalla sua origine, agli strumenti di misura, per arrivare al suo impiego nel campo dell’eolico. Andremo ad analizzare i fenomeni fisico-meteorologici che intervengono nel processo di generazione di energia eolica attraverso un percorso ricco di sfide ed esperimenti.
DESTINATARI Scuola primaria (IV e V) Scuola sec. I grado Scuola sec. II grado

LA MACCHINA DEL TEMPO
a cura di FONDAZIONE OSSERVATORIO METEOROLOGICO MILANO
Come una gigantesca macchina a motore solare, sfruttando il carburante naturale fornito dal vapore acqueo, l’atmosfera terrestre sviluppa continuamente grandi quantità di energia, che si manifestano, in maniera più o meno visibile, sotto molte forme diverse. Alcune di queste sono utili, quando non addirittura fondamentali, per la vita sul nostro Pianeta, altre sono difficilmente controllabili e talvolta violente e si manifestano attraverso fenomeni meteorologici estremi. Attraverso una lezione interattiva ed esperienziale, gli alunni verranno introdotti nel mondo della meteorologia, imparando ad osservare e riconoscere i principali fenomeni atmosferici e a comprendere e misurare i parametri attraverso cui è possibile descriverli ed entro certi limiti prevederli. Impareranno a riconoscere le diverse forme di energia presenti in atmosfera e a capire come queste stiano variando nel tempo in conseguenza del generale mutamento del clima e dell’impatto dell’uomo sul nostro Pianeta.
DESTINATARI Scuola primaria (IV e V) Scuola sec. I grado

NUBI IN CIELO… NEVICHERÀ? OSSERVARE IL CIELO, PREVEDERE IL TEMPO, CONOSCERE LA NEVE
a cura di METEOTRENTINO
Osserviamo il cielo per imparare a distinguere le nubi foriere di precipitazioni e poter fare semplici previsioni utili durante le attività all’aperto, senza dimenticare i satelliti e il loro ruolo nelle previsioni del tempo. Indaghiamo l’evoluzione della neve da quando si deposita al suolo fino al suo naturale scioglimento primaverile e i pericoli che la sua permanenza al suolo può determinare, i metodi per studiare il manto nevoso e i sistemi utilizzati per difendersi dalle valanghe: da quelli personali per l’attività sci alpinistica a quelli più strutturati a protezione di grandi territori.
DESTINATARI Scuola primaria (IV-V) Scuola sec. I grado

METEOROBOTICO
a cura di PROGETTO EOS (METEO EXPERT e PLEIADI)
Stiamo vivendo la quarta rivoluzione industriale ed in questo periodo si fa un gran parlare di come i robot sostituiranno l'uomo in molte professioni; vi potrebbero essere quindi nel futuro anche robot meteorologi? Il laboratorio ha l'obiettivo di far comprendere ai ragazzi le strumentazioni tecnologiche oggi a disposizione degli scienziati delle previsioni meteo, facendoli anche interagire con strumentazioni elettroniche e con programmi di coding per creare delle stazioni meteo ad alto contenuto tecnologico. Attraverso la sperimentazione attiva gli studenti capiranno che avere dei dati in mano non è sufficiente per poter effettuare delle corrette previsioni meteo, vi è la necessità di interpretare i dati. La mente umana è ancora avanti rispetto all'intelligenza artificiale.
DESTINATARI Scuola sec. I grado (II-III) Scuola sec. II grado (I-II)

INCONTRI METEOROLOGICI
a cura di METEO EXPERT
Una conferenza in cui gli studenti avranno la possibilità di interagire con un meteorologo professionista che illustrerà loro le varie fasi per la realizzazione delle previsioni meteo. Grazie al supporto di video e di attività pratiche gli studenti potranno comprendere i processi alla base della professione del meteorologo, esercitando le loro conoscenze di fisica. Un incontro informale ad alto contenuto sperimentale.
DESTINATARI Scuola sec. II grado (III-IV-V)

SIAMO TUTTI METEOROLOGI!
a cura di FONDAZIONE EDMUND MACH e HUB INNOVAZIONE TRENTINO e METEOTRENTINO
Il laboratorio metterà alla prova i ragazzi e li accompagnerà nel loro esordio come previsori. Un’introduzione sull’elaborazione dei bollettini meteo e un approfondimento sulle diverse categorie esistenti specifiche per l’agricoltura, per la montagna, per la protezione civile, fornirà ai ragazzi gli strumenti necessari per preparare un bollettino meteo a partire da materiali e informazioni legate ad alcuni casi reali di particolare rilevanza metereologica. Attraverso il lavoro di gruppo elaboreranno una previsione e avranno modo di confrontarla con i bollettini realmente emessi da METEOTRENTINO e con le condizioni meteo effettivamente registrate.
DESTINATARI Scuola sec. II grado (III-IV-V)

LA PREVISIONE METEOROLOGICA IN UNA REGIONA ALPINA
a cura di CENTRO FUNZIONALE – REGIONE AUTONOMA VALLE D’AOSTA
Il clima è fortemente influenzato dalla morfologia del territorio, per questo è importante tenere conto delle specificità locali quando si vuole costruire una previsione meteorologica. Concentriamoci sul clima delle Alpi e scopriamo insieme i fenomeni meteorologici tipici delle regioni alpine, come lo stau e il foehn, le brezze, le inversioni termiche e non solo. A partire dall’esperienza del Centro Funzionale della Valle d’Aosta ragioniamo insieme su pregi e difetti delle previsioni testuali e automatiche, sull’attendibilità delle previsioni e sull’importanza di collaborare con gli altri centri meteorologici (italiani e stranieri).
DESTINATARI Scuola sec. I grado Scuola sec. II grado

 
Scroll to Top