28 luglio 2018 | Andrea Fogolari - Matteo Frisinghelli - Fabiana Zandonai

La sorgente dell'Orco e di Spino

con Andrea Fogolari, Matteo Frisinghelli e Fabiana Zandonai

sabato 28 luglio 2018 - ore 9.30

info e prenotazioni
Fondazione Museo Civico di Rovereto
tel. 0464452800 mail biglietteria@fondazionemcr.it

Rientro previsto per le ore 12.00

Con il coinvolgimento di esperti naturalisti e tecnici del Museo, del Gruppo Grotte Roner e di Novareti, si propone la visita all’acquedotto di Rovereto e alle sorgenti che lo alimentano. L’escursione all’aperto in ambiente carsico, con le sorgenti Spino e Orco, offrirà anche spunti di riflessione sulla risorsa idrica, la sua disponibilità e la sostenibilità dell'utilizzo. Per l’escursione si raccomanda un adeguato abbigliamento (scarponcini o scarpe da ginnastica, Kway o ombrello) e una bottiglietta d’acqua.

Andrea Fogolari è socio della Sezione SAT di Rovereto e speleologo del Gruppo Grotte Roner. Dal 1976 è socio della Società Museo Civico di Rovereto. Ha svolto monitoraggi idrogeologici su alcuni sistemi carsici del basso Trentino, si ricorda l'indagine sulle acque ipogee della Val Parol (Monte Baldo settentrionale).

Matteo Frisinghelli, laureatosi con lode in ingegneria presso l'Università degli Studi di Trento nel 2002, dal 2008 è responsabile del Servizio Idrico di Novareti (Società del gruppo Dolomiti Energia che gestisce oltre 1300 kilometri di rete idrica da cui ogni anno transitano circa 37 milioni di metri cubi d’acqua, destinati a più di 80.000 clienti, in 17 comuni trentini) e si occupa della gestione degli acquedotti e delle fognature di Trento, Rovereto e di altri comuni della provincia. Svolge inoltre attività di docenza in ambito accademico, dove ha rivestito più volte il ruolo di correlatore di tesi.

Fabiana Zandonai, geologo, si è laureata con lode nel 2001 presso l'Università degli Studi di Padova con una tesi in geofisica applicata e una sottotesi di rilevamento geologico sul Pasubio settentrionale. Dal 2002 collabora con la Sezione Scienze della Terra della Fondazione MCR, di cui è dipendente dal 2013, svolgendo ricerche in campo geologico ambientale, idrogeologico, paleontologico, e archeometrico. Inoltre lavora a progetti di valorizzazione e recupero del paesaggio e coordina attività di monitoraggio ambientale. E' socio della Società Museo Civico di Rovereto e dell'Accademia roveretana degli Agiati.
 

Foto: interno opera di presa Sorgente Spino, acquedotto di Rovereto.
(foto di Tania de Oliva, Fondazione MCR)

 
Scroll to Top